Fancesca Porcellato, classe 1970, residente a Valeggio ha collezionato altre due splendide medaglie d’oro al mondiali di paraciclismo a Maniago, in Friuli, a cronometro e nella gara su strada. Le medaglie vanno ad aggiungersi a molte altre vinte anche in atletica e nello sci da fondo. Francesca gareggia, con la sua carrozzine, fin da quando aveva 17 anni per una lesione al midollo spinale subita a 18 mesi.

Soprannominata “la rossa volante” per le sue innumerevoli vittorie e per quella sua folta chioma di riccioli rossi, gareggia tuttora sia nello Sci di fondo Paralimpico sia nell’Atletica Leggera Paralimpica, detenendo un vasto palmares di vittorie ai Campionati Italiani, Europei, Mondiali e Paralimpiadi. E’ una delle atlete più note in Italia e nel mondo e vanta 10 partecipazioni ai Giochi Paralimpici, sette in quelli estivi e tre in quelli invernali, dove ha conquistato innumerevoli medaglie per l’Italia. È una delle poche atlete al mondo ad aver conquistato il titolo di Campionessa Paralimpica sia nelle edizioni estive che in quelle invernali. A Pechino è stata anche portabandiera ufficiale della delegazione italiana.

Solo dal 2015, Francesca Porcellato gareggia nel ciclismo paralimpico, con l’handbyke, dove ha vinto due ori ai Mondiali di Nottwill, prima esperienza internazionale in questa disciplina, con pochi mesi di preparazione alle spalle e ora ripetendosi anche a Maniago ”Ancora una giornata da incorniciare per i colori azzurri a Maniago, con queste ulteriori 5 medaglie- commenta Luca Pancalli – Questi corridori, che bissano l’oro ma anche il bronzo a distanza di poche ore, sono formidabile esempio di talento e resistenza, ma sono anche espressione del livello tecnico altissimo di tutto lo staff. Siamo orgogliosi di voi.”